Il nostro ruolo nel FX

La ragione per cui sei qui è certamente perchè intenzionato ad approfondire i principi di base del trading online.

Il tuo obiettivo è proprio questo: imparare a negoziare in valute e imparare a farlo con profitto.

Siamo qui per questo ed il nostro ruolo all’interno del mercato FX è di essere “commercianti di valute”. Cerchiamo di comprare prima di potenziali rialzi dei loro tassi di cambio, e di vendere prima di un potenziale ribasso degli stessi.

In entrambi i casi l’obiettivo è quello di generare dei profitti.

Di cosa ho bisogno?

Anzitutto occorre sapere che per poterti rapportare al mercato FX hai bisogno di una piattaforma tecnologica, che come già ricordato viene fornita gratuitamente da quelle entità che faranno da interfaccia tra noi e il mercato, e che si chiamano broker.

La piattaforma è facilmente installabile sul nostro pc e, salva la connessione alla rete internet, è davvero tutto ciò di cui hai bisogno (a brevissimo scoprirai come installarla e la sua utilità).

Ora è tempo di fare un ulteriore passettino avanti e scoprire finalmente cosa vuol dire comprare o vendere valuta nel mercato del FX.

Cosa succede quando si effettua un’operazione di cambio valuta?

Nel trading coi derivati in generale ed anche nel sistema dei cambi valuta, si può guadagnare sia comprando un asset che vendendolo se le nostre previsioni ci confermano l’una piuttosto che l’altra prospettiva. Facciamo un esempio tipicamente valutario. Supponiamo che il cambio EUR/USD (Euro contro Dollaro Americano) quoti 1,10, quindi saranno necessari 1,10 dollari per acquistare 1 euro, e che un segnale specifico ci indichi un movimento rialzista del prezzo, ossia che il valore di euro contro dollaro americano presumibilmente aumenterà.

Compreremo euro, diciamo per un lotto, puntando al rialzo del valore di questa moneta vendendo contestualmente dollari americani. Questo è in effetti ciò che accade quando si va long (acquisto) su EUR/USD. In particolare si sarà acquistato Euro per un ammontare pari a 100.000 unità (1 lotto) e simultaneamente venduto Dollari per un ammontare pari a 100.000 x 1,10 = 110.000 unità.

Ora, se il prezzo va ad esempio a 1,11 e decidiamo di uscire, avremo guadagnato 100 PIPS4, ossia un +0,01 che su 100.000 unità produce un profitto di (0,01*100.000) = 1.000 USD che andranno poi riconvertiti in euro al valore corrente del cambio EUR/USD, come vedremo dettagliatamente in seguito.

Viceversa, supponiamo che il cambio EUR/USD quoti 1,10 e che un segnale specifico ne indichi la discesa futura: possiamo vendere euro puntando sulla discesa del valore di questa moneta comprando contestualmente dollari. Supponiamo di vendere EUR/USD per 1 lotto: avremo venduto Euro per 100.000 unità e simultaneamente comprato dollari per 100.000 x 1,10 = 110.000 unità.

Questo è ciò che accade quando si vende (si va short) EUR/USD per quella size. Ora, se il prezzo va a 1,09 avremo guadagnato 100 PIPS, che su 1 lotto (100.000 unità) significherà, come prima, aver guadagnato 1.000 USD da riconvertire poi in euro al solito modo.

Il trader deve quindi cercare di acquistare e mantenere per un periodo più o meno lungo la valuta che si presume aumenterà di valore in relazione all’altra con cui è messa a confronto.

Punteggio Lettori
[Total: 1 Average: 5]
Commenta con Facebook